Perché il riscaldamento è così determinante?

I vari vettori energetici hanno un impatto ambientale molto differenziato. Se per esempio riscalda con dell'olio combustibile o con del gas, ha un pessimo bilancio ecologico perché sta utilizzando una risorsa fossile. Per compensare questo aspetto, dovrebbe isolare maggiormente in modo da evitare che sfugga preziosa energia termica. Tuttavia, anche un isolamento ecologicamente ottimale non riduce così drasticamente il carico ambientale, come se si passasse ad un vettore energetico rinnovabile.

Nel bilancio ecologico entra in gioco l'energia necessaria per fabbricare il nuovo impianto e per lo smaltimento finale.

$block['heizung']

Olio da riscaldamento

essendo un combustibile fossile emette molta CO2. Le emissioni di fuliggine e polveri fini, come pure la considerevole parte di energia "grigia" per la produzione e il trasporto dell'olio combustibile, ne aggravano il bilancio ambientale.

$block['heizung']

Gas naturale

confrontato all'olio combustibile emette meno CO2 e polveri fini. Essendo comunque un combustibile fossile comporta pure un elevato carico ambientale e contiene anch'esso un'elevata parte di energia "grigia".

$block['heizung']

Pompa di calore aria-acqua

estrae il calore dell'aria che viene poi sfruttato per il riscaldamento. È una forma di utilizzo dell'energia amica del clima. Dato che però in inverno l'aria è fredda l'impiego di energia d'esercizio può risultare più significativo. È perciò importante, per il funzionamento della pompa termica, privilegiare l'elettricità di origine rinnovabile. I risultati del calcolatore dell'isolamento si basa sul mix svizzero di fabbisogno.

$block['heizung']

Pompe di calore geotermiche

per riscaldare sfruttano il calore presente nel terreno. Necessitano di meno energia rispetto alle sorelle aria-acqua e pertanto hanno un bassissimo impatto ambientale. Anche per le pompe geotermiche vale il principio: l'elettricità deve essere il più possibile di origine rinnovabile.

$block['heizung']

Teleriscaldamento

è impiegato soprattutto in località e quartieri densamente costruiti. Si basa su fonti energetiche rinnovabili o fossili. Spesso il teleriscaldamento si rifornisce di calore residuo, come per esempio quello proveniente da impianti di incenerimento dei rifiuti. Il calcolatore dell'isolante si basa sui dati ambientali medi delle reti svizzere. Essi considerano una perdita energetica forfettaria della rete del 20%, come pure di una parte, ponderata, dovuta alla costruzione della rete di riscaldamento.